Gun, With Zero Music Fiction di Alex Z. Salinas

Gun, With Zero Music: Short Fiction di Alex Z. Salinas

La breve fiction di Alex Z. Salinas, autore di Gun, With Zero Music, è apparsa in Every Day Fiction, Zero Flash, 101 Words and Mystery Tribune (vedi Ordine sbagliato   Un esercizio di futilità). Vive a San Antonio, TX.

1.

Cos'altro devi sapere a parte il fatto che accumulo tovaglioli e pacchetti di salsa di fuoco di Taco Bell? Che adoro frequentare il piccolo locale tailandese all'angolo di Mulberry perché la simpatica cameriera indiana pensa che io sia divertente? Che non sono riuscito a finire la psicologia al college della comunità perché sono super ADD (vai a capire)? Che ho quasi 36 anni e vivo ancora con la mamma anche se è morta da 10 anni?

Riesco ancora a sentirla vantarsi con i suoi amici paffuti della chiesa a proposito delle mie pubblicazioni di giornale marginalmente ispirate. Li aveva chiamati "quelle adorabili piccole storie". Oh, orgogliosa mamma. STRAPPARE.

Non sono mai stato tagliato per i militari come papà. Si era finalmente reso conto che quando avevo 15 anni, giuro che è per questo che ha finito per farsi un secondo tatuaggio sull'altro avambraccio: una sirena tettona. Dopotutto, aveva arruolato 25 nell'esercito. Non riesco a credere che la mamma non l'abbia ucciso prima di andare e si è suicidata. Oh, Padre, che sei sulla Terra, non essere sradicato sia il tuo nome, la tua pelle gravemente inchiostrata. Per favore, smettila di scrivermi. Amen.

Con chi ho conversato di recente tramite sms è una donna, credo, di nome Fiona, che per divertimento suona il basso in una band punk rock chiamata Benito perché a quanto pare è la pronipote di Mussolini, ovviamente illegittimamente. Sai la vecchia battuta, i dittatori pensano principalmente con il loro ...

Fiona ed io siamo in programma di incontrarci la prossima settimana! Gesù, sembro una contrazione. Correzione: Fiona ed io abbiamo organizzato dei piani per incontrarci la prossima settimana. I nostri dialoghi - sì, posso chiamarli così perché li sto archiviando in documenti Word - con mia sorpresa, sono andati abbastanza bene.

Fiona ed io siamo in programma di incontrarci la prossima settimana! Gesù, sembro una contrazione.

È così che Fiona è entrata nella mia vita: avevo inviato lo stesso testo generico a cinque numeri casuali - chiamalo phishing, lettore di giudizio - e due mesi dopo, ora, shabam. Fiona. Oh, Fiona, la tua natura fiduciosa e il gioco spericolato delle parole mi hanno straziato il cuore, suscitato la mia anima tormentata.

Mi hai marchiato, Fiona, come una mucca da ranch. Penso che potrei quasi amarti per il mooooe ritorno.

2.

Devo confessare, prima della mia ultima voce, che avevo pensato che il journaling fosse solo per persone di debole disposizione. Piagnistei, lamentele, piagnucoloni e simili. Ma nessuno tranne il mio terapista aveva mai menzionato che sarebbe stato così tanto ti divertirai.

Etichettare tenendo un diario catartico, un esercizio di terapia, proprio non lo fa per me. Mi ammorbidisce laggiù. Non sono un ragazzino che sente il bisogno di vendicarsi contro la pagina di tutte le ingiustizie che questo mondo gli ha inflitto.

E ce ne sono stati molti, non commettere errori. Ma ahimè, sono un grande uomo. Prendo i pugni della vita sul mento, sorrido, poi chiedo secondi. Il dolore è delizioso per me, come un bar Snickers. Spessa, ricca di noci, opportunamente appiccicosa: un sacco di calorie per un pacchetto così piccolo, ma alla fine dolce, in espansione.

Papà mi ha scritto oggi insistendo sul fatto che ci incontreremo per pranzo al più presto. Ha detto che voleva recuperare il ritardo per discutere di "importanti questioni familiari". Ciò che si traduce in una lezione della Major League che non vede l'ora di scatenarmi. Non ho voglia di farlo.

Non lo sarà mai. "Vai a farmi un altro tatuaggio", volevo rispondergli. “Un'altra doppia D ampia da qualche parte sul petto. O forse sulla parte bassa della schiena. Lasciami morire in pace con il tuo cognome. Non è abbastanza? "

Papà mi ha scritto oggi insistendo sul fatto che ci incontreremo per pranzo al più presto. Ha detto che voleva recuperare il ritardo per discutere di "importanti questioni familiari".

Invece, gli ho effettivamente inviato un messaggio, pateticamente: “K. Torna presto 2 u. ” A volte è meglio mantenere vago il business ufficiale.

3.

La mamma non approva Fiona. Mi parla ancora nei sogni. Ultimamente, sta succedendo sempre di più.

"Non perdere tempo con quel vagabondo", mi ha avvertito ieri sera. "Non ha niente di buono, nient'altro che guai, quel diabolico vagabondo."

Devo confessare, non sono mai stato uno per ascoltare la mamma. Sono stato un ragazzo abbastanza deciso da quando le ha saltato fuori l'utero. Penso da solo e da solo. Non rispondo a Dio, al paese o ai genitori (vivi o morti), ma piuttosto a me stesso allo specchio. Quando mi chiedo "Stai parlando con me?" Io dico: "Puoi scommettermi il culo, io".

Fiona ha ammesso di essere eccitata, ma nervosa, per il nostro prossimo incontro. Due giorni! Ha detto che è pazzesco quando ci pensi davvero. Due sconosciuti completi che concordano di vedersi in questo giorno ed età.

Le ho scritto: “Quindi pensa a me come a una notte. È socialmente più accettabile in questo modo. " Come anticipato, ha risposto di conseguenza: un'emoji dalla faccia macchiata, seguita da un'emoji di melanzane. È strana in quel modo, Fiona. Ma lei è la mia maniaca. Lei è Fiona.

4.

Incontrare papà a pranzo è stato un grosso errore.

No, aprirsi a lui sulla mia vita amorosa era. Ogni volta che gli faccio un soffio, mi viene rapidamente ricordato perché non dovrei.

"Sei fuori di testa, figliolo?" Papà ha tenuto una conferenza. "Quanti anni hai di nuovo?"

“Porterò una pistola. Rilassare. Devo comunque fermarmi all'Accademia. "

“Sai, ascoltarti a volte è come guardare un disastro ferroviario al rallentatore. Lascia che ti aiuti, figliolo. Per favore."

"Addio, colonnello", dissi. "Dio ti benedica."

Mi ha mandato un messaggio dopo un'ora. “Almeno usa la mia pistola. Ol 'affidabile. Salva il tuo maledetto $$$ !!! ”

Oh, padre, suppongo che questa tua discendenza sia ancora obbligata a onorarti.

5.

Non ero sicuro che si trattasse di un'operazione pungente o di un setup per sollevare il portafoglio e la macchina. Ad ogni modo, erano coinvolte le foto del mio pene. Mi sono reso conto solo sulla scena - ovviamente solo sulla scena - che non avevo mai confermato la sua età. Non mi ha mai mandato foto. Non l'ho mai chiesto a FaceTime. Niente. Ami le bende.

Parcheggiai la macchina e attesi ansiosamente da una panchina vicino all'ingresso del parco giochi. Pochi minuti dopo, si materializzò dall'oscurità, dagli alberi. Mi ha spaventato a morte. Il suo saluto era acuto, da ragazza. Non la Fiona che avevo immaginato. Non Fiona, ho deciso. Oh merda.

Mentre indietreggiavo verso la mia macchina, rimpiangendo di aver indossato un dolcevita nero, una grande figura - un uomo, ne sono certo - scoppiò attraverso un cespuglio e corse verso di me. Più tardi, ho controllato Twitter per assicurarmi che non fosse Chris Hansen.

L'allenamento con la pratica del bersaglio di mio padre è iniziato immediatamente.

Tre colpi furono sparati rapidamente. Bam bam bam. La figura cadde, la ragazza strillò. Istintivamente, ho raccolto le conchiglie esaurite, poi sono corso alla mia macchina e sono uscito di corsa da Dodge.

La prima cosa che ho pensato è che avresti fatto un maledetto Marine, ragazzo. Oorah!

Il mio ricordo è che quella notte era molto più oscura. Ricordo le nuvole, non vedendo la luna una volta. La saturazione dei lampioni mi ha quasi sopraffatto. Ma ho dovuto continuare a guidare. Ero sia me che non-me. Ero al settimo cielo, sbalordito dalla corsa nera della scappatella e la datazione del 21 ° secolo è andata storta. Molto, molto sbagliato.

Ho pianto. Singhiozzò come un cornuto cuoricino. La musica era spenta. Non avevo mai nemmeno giocato.

Avevo il cuore spezzato.

6.

Sono passati due giorni e non ho sentito nulla da nessuno.

Ho contattato il tribunale della contea locale per la procedura di modifica del tuo nome. Ho tutta la documentazione necessaria.

Mi sento paranoico, in preda al panico, grasso. Duplicato e tradito. La mamma mi ha rimproverato alla grande la scorsa notte. Papà vuole incontrarsi di nuovo. Ha detto che vuole riavere la sua pistola. Saprà che è stato usato. È super NRA così.

Oh, questa volta ho davvero fregato il cane in modo regale, vero? Non è vero, caro lettore?

Era una domanda retorica. Non rispondere.

E per favore non giudicarmi.

*****

È disponibile il nostro archivio digitale gratuito di narrativa flash che include altre storie di Alex Z. Salinas qui. Inoltre, la fiction premium pubblicata da Mystery Tribune su base trimestrale è disponibile in formato digitale qui.

Accesso

Inserisci il nome utente o l'indirizzo email
Altre storie
teiera in ottone racconto tim macy mistero narrativo contemporaneo
The Brass Teapot di Tim Macy