La produzione ITV di “Death on the Nile” di Agatha Christie è superba

La produzione ITV di "Death on the Nile" di Agatha Christie è superba

Scott Adlerberg dà uno sguardo più da vicino alla produzione ITV dell'iconico romanzo di Agatha Christie “Death on the Nile”. 

Il primo adattamento per film o TV di un romanzo di Agatha Christie fu il film del 1928 La scomparsa del signor Quin. È un film britannico, girato a Londra, e deriva dal racconto intitolato “The Coming of Mr. Quinn”, il primo racconto della raccolta Il misterioso signor Quin, pubblicato nel 1930. Lavorando insieme, due registi realizzarono il film e uno dei due era un uomo di nome Leslie S. Hiscott, che nel 1931 diresse il primo adattamento cinematografico di Hercule Poirot.

Questo è stato intitolato Alibi e adattato da un'opera teatrale del 1928 con lo stesso nome, un dramma tratto dal classico romanzo di Christie, L'omicidio di Roger Ackroyd. Anche se vale la pena notare che il grande Charles Laughton ha interpretato Poirot in questa produzione teatrale, un attore nordirlandese ormai dimenticato di nome Austin Trevor ha interpretato Poirot nel film, e Trevor ha poi recitato nel ruolo del detective belga in altri due adattamenti di Christie, Caffè Nero in 1931 e Lord Edgeware muore in 1934.

Trevor ha detto che ha ottenuto il ruolo di Poirot solo perché poteva parlare con un accento francese (un errore sulla nazionalità di Poirot uscito direttamente da un romanzo di Christie), ma qualunque sia la ragione per cui è diventato la prima incarnazione cinematografica del detective belga, è chiaro che da A circa dieci anni dall'inizio della sua carriera, registi e drammaturghi stavano cercando di trovare modi per tradurre Christie nel loro particolare mezzo.

Quello era, lo sappiamo, solo l'inizio. Non è passato un decennio da quando il cinema, la televisione e il palcoscenico non hanno rivisitato Christie numerose volte. È arrivato al punto in cui le stesse opere di Christie continuano a essere rifatte più e più volte. Se sei un fan di Christie, è quasi certo a questo punto che conosci le trame dei libri e delle storie su cui si baseranno le sceneggiature, eppure in qualche modo il fascino di questi remake sui remake non finisce mai.

Non è passato un decennio da quando il cinema, la televisione e il palcoscenico non hanno rivisitato Christie numerose volte.

Sebbene abbia ricevuto recensioni contrastanti, la versione 2018 di Kenneth Branagh di Assassinio sull'Orient Express ha avuto successo in tutto il mondo al botteghino e, a volte, molto presto, un seguito, Assassinio sul Nilo, anch'esso interpretato e diretto da Branagh, uscirà. Questo ripete lo schema esatto dei due film di Christie del 1974 e del 1978, quando Albert Finney e Peter Ustinov, in adattamenti ad alto budget di ogni romanzo, interpretarono Poirot.

Di questi tre attori, mi piace il modo in cui Ustinov interpreta il personaggio, con la sua arguzia e la sua traccia di calore, ma considero Finney il migliore, interpretando la freddezza del detective e la sua vanità fuori misura. Tuttavia, il più grande Poirot di tutti, al cinema o in televisione, il più Poirot di tutti i Poirot - nella voce, nello stile, nel modo di camminare e nel gesto, nella sua rappresentazione dell'uomo dall'alto verso il basso - è David Suchet, l'attore che lo incarnava. per ITV dal 1989 al 2013.

Nel corso di quei 25 anni, attraverso 70 episodi di Poirot di Agatha Christie, Suchet ha essenzialmente coperto l'intero canone di Poirot, e nel 2004 era presente nell'adattamento della serie di Assassinio sul Nilo. Per aiutare a segnare l'arrivo del nuovo film di Branagh, Acorn ha recentemente pubblicato l'episodio TV su DVD e Blu-ray, ed è questa versione per piccolo schermo che guarderò qui.

C'è bisogno di rimodellare la trama? Se stai leggendo questo, è probabile che tu abbia familiarità con ciò che accade. Se non hai letto il romanzo originale o non hai visto nessuna delle versioni visive, conosci la struttura generale a prescindere. Poirot è in viaggio, questa volta in vacanza nell'Egitto degli anni '1930, e si imbarca su una nave da crociera sul fiume Nilo, dove un certo numero di altri passeggeri sono collegati tra loro.

In particolare, gli sposi Simon Doyle e Linnet Ridgeway vengono seguiti, minacciati e scherniti dall'ex fidanzato di Simon, Jackie De Bellefort. Di umile background, Jackie sente che il ricco Linnet le ha rubato Simon, e lei dà ogni indicazione di voler ottenere vendetta.

A bordo ci sono anche un certo numero di persone che, nel solito modo di Christie, hanno le loro stranezze e segreti, e alla fine Poirot si ritrova invischiato nel suo elemento preferito, il crimine con intenti mortali. Prima c'è un tentato omicidio, poi un omicidio che ha successo. A questo punto, l'amico di Poirot, il colonnello Race, è salito a bordo della nave - era stato in missione diplomatica in Egitto - e, a causa della sua posizione nel governo britannico, la direzione della barca sta bene con lui che dirige un'indagine.

Ognuno si mette a sua disposizione, e questo permette a Poirot di interrogare tutti come meglio crede. A tempo debito, Poirot risolve l'omicidio e la soluzione coinvolge quello che può essere definito solo un depistaggio di Christie vintage.

La produzione ITV, come previsto, è superba. È divertente vedere Emily Blunt, prima del suo debutto nel lungometraggio La mia estate d'amore e prima della sua esibizione Il diavolo veste Prada, riproduci Linnet Ridgeway. Se il suo accento americano suona un po 'esagerato, si comporta con disinvoltura come una donna ricca. Francesca de la Tour, che sapeva leggere la proverbiale rubrica telefonica e renderla divertente, si cimenta con entusiasmo in ogni battuta nel suo ruolo di romanziere rosa Salome Otterbourne.

... ammettiamolo: gran parte dell'interesse nel guardare gli adattamenti di Christie oggi non è dissimile dal piacere che si prova nel confrontare attori che recitano Amleto o Macbeth o qualcun altro creato dal Bardo.

David Soul, a distanza di anni dalla pulizia delle strade della California meridionale Starsky e Hutch, è l'americano un po 'sfuggente che compare abbastanza spesso nei racconti di Christie; interpreta l'amministratore di Linnet, qualcuno determinato ad apparire finanziariamente solido ma che, chiaramente, non lo è. E chi è più appropriato per interpretare l'epitome dell'impero britannico, il colonnello Race, dello stimabile James Fox, che è così a suo agio nel suo ruolo, penseresti che il personaggio sia stato scritto per lui.

Non direi che Agatha Christie ha la ricchezza di Shakespeare, ma ammettiamolo: molto dell'interesse nel guardare gli adattamenti di Christie oggi non è dissimile dal piacere che si prova confrontando attori che recitano Amleto o Macbeth o qualcun altro creato dal Bardo . In quanto spettatore, sei curioso di vedere una nuova interpretazione.

La nuance è importante. Il 1978 Assassinio sul Nilo aveva un cast divertente e stellare (Bette Davis, Mia Farrow, Maggie Smith, Angela Lansbury e David Niven, solo per citarne alcuni), ma le performance nella versione di ITV lo corrispondono. In aggiunta al divertimento, hai la sensazione che gli attori si divertano a fare le loro parti.

La nuance è importante. Il 1978 Assassinio sul Nilo ha avuto un divertente cast stellare

Ridi ammirando la gratificazione che emanano affondando i denti nelle persone allo stesso tempo superficiali e succose. Il fatto che il cast sia riuscito a filmare l'episodio in Egitto deve aver reso tutto molto migliore per loro. La nave utilizzata era la PS Sudan, un vero piroscafo a ruote laterali della vecchia flotta del fiume Nilo Thomas Cook, e l'edificio mostrato in una scena iniziale, prima della crociera, è lo splendido Winter Place Hotel a Luxor, dove scrisse Agatha Christie il suo libro. In questo adattamento, sei senza dubbio nel mondo di Christie e per un'ora e quaranta minuti dimentichi i tuoi problemi e le tue pene attuali e scappi in un luogo che ora esiste come universo alternativo di un amante del mistero.

Con questo Assassinio sul Nilo fresco nella mia mente, guarderò il nuovo adattamento quando uscirà? Perché, se ci penso, dovrei? Qual e il punto? Oltre a questa versione, ho letto il libro e ho visto il film del 1978. Ma questa è l'ironia. Per molti che amano la narrativa poliziesca, sapere chi ha commesso il crimine non ha più importanza.  Assassinio sul Nilo è un perfetto esempio. Il piacere non è solo nella soluzione, ma nel viaggio per arrivarci.

*****

Per la copertura del Mystery Tribune di libri, film e serie TV adattati dal lavoro di Agatha Christie, visita qui.

Articoli Correlati

risposte

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime Recensioni