26 Migliori illustratori di copertina dietro alcuni dei più iconici libri di gialli e thriller vintage. Copertina principale di Mitchell Hooks

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri sul crimine e il thriller vintage

C'è qualcosa di nostalgico nelle copertine dei libri di gialli vintage della metà del XX secolo, un periodo in cui gli scaffali delle librerie includevano un'abbondanza di tascabili a basso costo che tutti sembravano leggere. Queste illustrazioni, che vanno dai ritratti di donne fatali a uomini duri che risolvono i loro problemi con i pugni, sono in un certo senso una parte importante della storia dell'editoria americana.

Quella che segue è una panoramica di 26 artisti che sono stati alla base di alcuni dei più iconici libri sulla criminalità vintage:

1. Robert McGinnis

Robert Edward McGinnis (nato il 3 febbraio 1926) è noto per le sue illustrazioni di oltre 1,200 copertine di libri tascabili e oltre 40 poster di film, tra cui Colazione da Tiffany (il suo primo incarico di poster di film), Barbarella e diversi James Bond e Matt Helmfilms .

L'attenzione di McGinnis ai dettagli era tale che quando gli è stato assegnato il disegno per Arabesque ha chiesto che l'abito a strisce di tigre di Sophia Loren gli fosse spedito per un modello da indossare in modo da poter ottenere l'aspetto giusto.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri gialli di thriller e thriller Robert McGinnis

Nel 1985 McGinnis è stato insignito del titolo di "Artista romantico dell'anno" dalla rivista Romantic Times per le sue numerose copertine in brossura di romanzi rosa. Dal 2004, McGinnis ha creato illustrazioni di copertina per la serie di tascabili Hard Case Crime.

È membro della Society of Illustrators Hall of Fame. McGinnis è il soggetto di un film documentario, Robert McGinnis: Painting the Last Rose of Summer, di Paul Jilbert.

Per ulteriori informazioni sul suo lavoro, è possibile visitare Robert McGinnis: 33 migliori copertine di libri, illustrazioni e poster di film da un'icona polpa.

2. Robert K. Abbett

Robert Kennedy Abbett (1926-2015) nato a Hammond, Indiana. Durante la fine degli anni '1950, '1960 e '1970, Robert Abbett, accreditato anche come Bob Abbett, ha illustrato copertine di libri per romanzi di guerra, romanzi polizieschi, thriller, narrativa storica e fantascienza. Oggi, Abbett è meglio conosciuto per i suoi dipinti di fauna selvatica (in particolare, cani), natura selvaggia, sport e pesca.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri sul crimine e il thriller vintage Robert K. Abbett

Le sue illustrazioni sono state presenti in un gran numero di libri, riviste e pubblicità. È anche autore o ha partecipato a diversi libri sull'arte, tra cui A Season for Painting: The Outdoor Paintings of Robert K. Abbett e Wings from Cover: The Upland Images of Robert Abbett and Ed Gray.

3. Rudolph Belarski

Rudolph Belarski (1900-1983) è nato a Dupont, in Pennsylvania, una città mineraria. I suoi genitori erano immigrati non qualificati dalla Galizia, una nazione austriaca polacca. Il giovane Belarski ha frequentato la scuola fino all'età di dodici anni, quando aveva il diritto legale di lasciare la scuola e lavorare nelle miniere di carbone, cosa che ha fatto per dieci anni. Ha studiato corsi d'arte per corrispondenza di notte presso la International Correspondence School, Inc. di Scranton, PA.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri di crimine e thriller vintage Rudolph Belarski

Si trasferì a New York nel 1922 per studiare al Pratt Institute di Brooklyn. Si laureò nel 1926 e in seguito insegnò a Pratt dal 1928 al 1933.

Belarski ha lavorato per la prima volta per Dell Publications realizzando interni e copertine per pulp d'avventura sulla Grande Guerra, come War Aces, War Birds, TX O'Leary's War Birds, War Novels e War Stories.

Nel 1935 Belarski iniziò a dipingere copertine pulp per pubblicazioni emozionanti, come Air War, American Eagle, Black Book Detective, Romanzi polizieschi, G-Men Detective, Lone Eagle, Mystery Book, The Phantom Detective, Popular Detective, Sky Fighters, Storie sorprendenti, Avventure da brivido, Detective da brivido, Mistero da brivido e Meraviglia da brivido. Belarski ha anche dipinto copertine per pulp pubblicati da Munsey, come All-American Fiction, Argosy, Big Chief, Cavalier Classics, Detective Fiction Weekly, Double Detective e Red Star Adventures. Ha anche lavorato per pulp della Fiction House, come Aces, Air Stories, Lariat Stories e Wings.

Durante la seconda guerra mondiale Belarski era troppo vecchio per il servizio militare, ma si unì all'USO per disegnare migliaia di ritratti di militari ricoverati negli ospedali di New York e Londra.

Dopo la guerra Belarski divenne il principale artista di copertina tascabile per la Biblioteca Popolare fino al 1951.

Ha poi lavorato per riviste di avventura per uomini fino al 1960, come Adventure, Argosy, For Men Only, Man's Conquest, Man's Illustrated, Man's World, Men, Outdoor Life, Stag e True Adventure.

Belarski si trasferì a Westport nel Connecticut nel 1956 e divenne un insegnante d'arte per corrispondenza presso la Famous Artists School fino al suo pensionamento nel 1972. Rudolph Belarski morì all'età di 83 anni per complicazioni di colite il 24 dicembre 1983.

4. Norman Mingo

Norman Theodore Mingo (25 gennaio 1896 - 8 maggio 1980) è famoso soprattutto per essere stato incaricato di formalizzare l'immagine di Alfred E. Neuman per Mad.

Un prolifico illustratore di riviste nella vena Norman Rockwell, Mingo risiedeva nella zona di Chicago per decenni prima di ritirarsi a Tarrytown, New York. Da bambino ha vinto un concorso d'arte, ricevendo in premio materiali artistici e un corso per corrispondenza. Mingo ha avuto un successo professionale precoce, persino abbandonando la scuola superiore per un anno a causa del suo carico di lavoro.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri di crimine e thriller vintage Norman Mingo

Negli anni '1920 e all'inizio degli anni '1930, gestiva uno studio pubblicitario di Chicago il cui staff includeva il futuro artista di Captain Marvel CC Beck; lo studio chiuse durante la Grande Depressione. Successivamente ha lavorato in gran parte come freelance, anche come illustratore per varie agenzie pubblicitarie e riviste, tra cui American Weekly, Ladies 'Home Journal e Pictorial Review.

Oltre all'arte pin-up, ha anche illustrato per tascabili (Pocket Books), ha lavorato come ritrattista tradizionale, dipingendo soggetti come il generale George S. Patton Jr. e ha disegnato numerosi poster di film tra cui Gentlemen Prefer Blondes.

5. James Avati

James Sante Avati (14 dicembre 1912 a Bloomfield, New Jersey - 27 febbraio 2005 a Petaluma, California) è cresciuto quasi come un orfano. Suo padre era un fotografo professionista a New York City. Sua madre è morta poco dopo la sua nascita. Fu cresciuto dalla zia materna e alla fine suo padre la sposò.

26 migliori illustratori di copertine dietro ad alcuni dei più iconici libri di gialli e thriller vintage James Avati

Mentre Jim era ancora giovane, suo padre morì e un'altra zia e uno zio lo aiutarono a crescere a Little Silver, nel New Jersey, dove è cresciuto. Suo zio pagò gli studi all'Università di Princeton, dove ottenne una laurea in architettura nel 1935.

Era sempre interessato alla pittura e amava dipingere. Dopo la seconda guerra mondiale, Avati ottenne un lavoro come progettista di vetrine nei grandi magazzini della Fifth Avenue a New York. Ma continuò a dipingere sul lato e nel 1948 impressionò Kurt Enoch alla New American Library, una nuova casa editrice tascabile. È stato un successo sin dall'inizio e ha cambiato lo stile della pittura di copertina all'inizio degli anni '1950.

Tra gli autori con cui ha lavorato c'erano artisti del calibro di Theodore Dreiser, William Faulkner, Erskine Caldwell, JD Salinger, James T. Farrell, Pearl Buck, John O'Hara, Mickey Spillane, Erle Stanley Gardner, Alberto Moravia e James Michener.

All'inizio ha usato modelli professionali, ma presto ha usato amici, familiari e persone fuori dalle strade di Red Bank, New Jersey, la sua casa per gran parte della sua vita, come modelli. Cercava la realtà nelle sue rappresentazioni su tela e le persone reali lavoravano per lui meglio dei professionisti.

È stato chiamato il "padre delle copertine dei libri in brossura" e il "Rembrandt delle copertine dei libri in brossura". Ironia della sorte, la sua vita rispecchiava i romanzi che dipingeva.

6. Paul Bacon

Paul Bacon (25 dicembre 1923 - 8 giugno 2015) è noto per aver introdotto il "Big Book Look" nel design delle copertine dei libri e progettato circa 6,500 giacche e più di 200 copertine di dischi jazz.

Nel 1950, Bill Westley, il padre di un amico, chiese a Bacon di fornire illustrazioni per il suo libro Chimp on My Shoulder. L'art director dell'EP Dutton, l'editore del libro, è stato così contento da chiedere a Bacon di fornire anche una sovraccoperta. Il libro non era niente di importante, ma diede a Bacon il suo inizio.

All'inizio degli anni '1950, Bacon è stato incaricato da Tom Bevans, direttore artistico di Simon & Schuster, di progettare una serie di titoli. Entrarono anche commissioni da altre case e Bacon aprì il suo studio nel 1955. Ha continuato ad avere una serie di studi con il suo nome sulla porta per oltre 50 anni.

Il suo primo grande successo arrivò nel 1956 con Compulsion, un romanzo di Meyer Levin. Questa copertina segnò anche l'inizio del "Big Book Look" per cui Bacon divenne famoso. Questo aspetto presenta un titolo grande e in grassetto, il nome di un autore di spicco e una piccola immagine concettuale. Esempi di questo "look" includono Catch-22 di Joseph Heller, Visions of Cody di Jack Kerouac e Bullet Park di John Cheever, insieme a innumerevoli altri.

7. Robert Maguire

Robert A. Maguire (3 agosto 1921 - 26 febbraio 2005), o RA Maguire, era noto principalmente per la sua copertina tascabile crime noir, ha prodotto opere d'arte per oltre 600 copertine dal 1950. Maguire è un membro emerito della società di illustratori.

Le oltre 600 copertine di Maguire per editori come Pocket, Dell, Ace, Harper, Avon, Silhouette, Ballantine, Pyramid, Bantam, Lion, Berkley, Beacon, Monarch e Signet - praticamente tutte le case editrici tradizionali di New York - fanno la sua copertina originale un tour de force nell'ultima metà del XX secolo.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri di crimine e thriller vintage Robert Maguire

Una delle copertine dei suoi libri più famose è Black Opium, considerata da molti collezionisti di libri tascabili crime noir la copertina tascabile noir definitiva del genere. Ha anche disegnato copertine artistiche per videogiochi e CD musicali

8. Jack Davis

John Burton "Jack" Davis, Jr. (2 dicembre 1924 - 27 luglio 2016) è noto per la sua grafica pubblicitaria, copertine di riviste, poster di film, copertine di album e numerose storie di fumetti. Fu uno dei fumettisti fondatori di Mad nel 1952. I suoi personaggi dei cartoni animati sono caratterizzati da un'anatomia estremamente distorta, tra cui grandi teste, gambe magre e grandi piedi.

Davis è stato particolarmente notato per la sua rappresentazione del Custode della Cripta nei fumetti dell'orrore, rinnovando l'aspetto del personaggio dalla versione più semplicistica di Al Feldstein a un uomo più duro, ruvido, rognoso con verruche pelose, bocca sbavante e mani e piedi oversize, che di solito non lo facevano. Indossare scarpe.

Tra i classici racconti dell'orrore che ha illustrato c'erano "Gioco sporco", che è stato citato nel libro del Dr. Fredric Wertham Seduction of the Innocent per la sua rappresentazione di "una partita di baseball a fumetti". Altri, come "Tain't the Meat, It's the Humanity", "Death of Some Salesman", "Fare Tonight Followed by Clottiness crescente", "Tight Grip" e "Lower Berth", erano classici di Crypt-Keeper.

9. Stanley M. Zuckerberg

Stanley M. Zuckerberg (1919-1995) è cresciuto sul lungomare di Long Beach, Long Island, New York, è noto per i suoi disegni in bianco e nero e le illustrazioni a colori per l'esercito, riviste e libri di testo. Alcuni degli autori di cui ha illustrato i libri erano John Dos Passos, Somerset Maugham, Sinclair Lewis, James Michener, Vladimir Nabokov, Irving Stone e Norman Mailer. Dedicato al realismo nell'arte, e i suoi soggetti per il piacere erano spesso il tranquillo lungomare del New England, della Nuova Scozia e di Terranova.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri di crimine e thriller vintage Stanley M. Zuckerberg

Ha iniziato a disegnare all'età di sei anni. Ha ricevuto una borsa di studio per l'arte al Pratt Institute of Fine Arts a partire dal 1939. Ha anche studiato alla Art Students League con Khosrov Ajootian, William Gorham, Thomas Benrimo e Alexander Kostellow.

10. Harry Bennett

Harry Bennett è nato il 15 maggio 1919 a South Salem, New York. Suo padre era un nativo Ridgefielder le cui radici a Ridgefield risalgono al XVIII secolo. Bennett nacque mesi dopo che suo padre, Harry Bennett, morì per l'epidemia di influenza del 18. Sua madre Anna Karlson ha aumentato i guadagni della famiglia gestendo un'attività di lavanderia. . La famiglia si trasferì in Gilbert Street quando Harry aveva un anno.

Diplomato nel 1937 alla Ridgefield High School, ha recitato in atletica leggera, è stato il capitano e il centro della squadra di basket RHS che ha raggiunto le semifinali nel campionato statale ed è stato presidente della sua classe.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri di crimini e thriller vintage Harry Bennett

Il signor Bennett era un artista commerciale per la Magazine Photo Engraving Corp., Stamford quando si arruolò nell'esercito nel novembre 1940. Si diplomò alla scuola di candidati per ufficiali di fanteria nel maggio 1942 e fu nominato sottotenente e promosso a tenente. lo stesso anno. Il maggiore Bennett era un veterano dell'operazione Hollandia, in cui le forze del Gen Douglas MacArthur tagliarono fuori l'intera 18esima armata giapponese, e in cui lo stesso Maggiore Bennett vinse la stella di bronzo.

Nel 1945, Bennett sposò Margaret Shean a Ridgefield, Ct, dove visse fino al 1985. Dopo la guerra, sua moglie lo incoraggiò a frequentare la scuola d'arte e seguire la sua passione per la pittura. Bennett ha frequentato sia l'Art Institute of Chicago sia l'American Academy of Art Chicago per due anni, fino a quando ha iniziato a lavorare come artista commerciale. Ha illustrato le pubblicità per Buick, Pepsi Cola e US Keds.

Ha vissuto e lavorato in quella che ora è conosciuta come la Bennett House in Main St. a Ridgefield. Avrebbe usato la sua famiglia e i vicini come modelli per oltre 1,000 copertine di libri e illustrazioni nel corso degli anni.

Mr. Bennett era meglio conosciuto come un illustratore pubblicato a livello internazionale che dipinse copertine su larga scala per i grandi editori del settore dei tascabili all'epoca, inclusi Simon e Schuster, Western Printing e Avon Press. Ha fatto cover per vari autori tra cui Jude Deveraux, Mary Stewart, Phyllis Whitney e Victoria Holt. Ha anche illustrato la prima edizione in brossura de Il padrino di Mario Puzo.

La New York Society of Illustrators ha assegnato a Harry Bennett una medaglia di bronzo per i dipinti a inchiostro che ha creato per illustrare un'edizione da collezione in scatola della "Divina Commedia" di Dante, pubblicata nel 1966, in cui gli è stata concessa una mostra personale a The New York Biblioteca pubblica.

Nel 1986, il signor Bennett si ritirò dal suo lavoro commerciale e viaggiò a ovest, dipingendo e insegnando. Visse a Corvalis e Cannon Beach, nell'Oregon, fino a quando non si stabilì definitivamente in una piccola città sul fiume chiamata Astoria nel 1989. Fu attratto dal paesaggio e trasferito in una piccola casa con vista sul fiume Colombia. Aveva uno studio in centro dove ha trascorso la maggior parte del tempo.

11. Robert E. Schulz

Robert Emil Schulz è stato uno dei principali illustratori di copertine le cui opere a tema d'azione hanno segnato le copertine di Man's Magazine, Dell's Ten Cent, la rivista True Adventures e le sovracopertine di grandi della fantascienza come Philip K. Dick e Isaac Asimov.

12. Steele Savage

Harry Steele Savage (1898-1970) nacque a Central Lake, nel Michigan, da immigrati irlandesi e franco-canadesi, Flora (McLaughlin) e William Harry Savage.

Il suo primo riferimento noto alla vita di Savage come artista deriva dalla sua carta di bozza della prima guerra mondiale, dove elenca la sua occupazione come artista per la JL Hudson Company a Detroit, Michigan. Probabilmente è meglio conosciuto per le illustrazioni in Mythology di Edith Hamilton.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri di crimini e thriller vintage Steele Savage

Altri libri che ha illustrato includono The Arabian Nights di Burton (Bennett Cerf, 1932, Triangle Books), Stories of the Gods and Heroes di Sally Benson, Hurlbut's Story of the Bible (edizione rivista), The Rainbow Book of Bible Stories di J. Harold Gwynne (1956), Life in the Ancient World di Bart Keith Winer (1961) e The Golden Library Book of Bible Stories di Jonathan Braddock.

Ha disegnato diversi poster e copertine per libri e riviste di fantascienza apparsi negli anni '1960 e '1970. È stato anche un illustratore di poster dell'era della seconda guerra mondiale come il poster di reclutamento: For Your Country's Sake Today, For Your Own Sake Tomorrow.

13. Rudolph “Rudy” Nappi

Joseph Rudolph “Rudy” Nappi (1923 - 2015) ha studiato alla Arts Student League di New York City prima di prestare servizio nell'aeronautica degli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale. Nel 1951 sposò Margarete “Peggy” Schubert, un'infermiera.

Nappi era un noto illustratore commerciale e ampiamente considerato uno dei più grandi artisti pulp fiction del suo tempo. Durante la sua decennale carriera, ha creato centinaia di copertine per riviste e libri come Love Nest, Girl-Hungry, Queer Patterns e The Bedroom Bolero. Nel 1968, sei titoli su otto pubblicati da MacDonald & Company presentavano le illustrazioni di Nappi.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri di crimine e thriller vintage Rudolph Rudy Nappi

Dal 1953 al 1979, Nappi è stato il principale artista delle copertine dei libri di Nancy Drew e Hardy Boys. Nappi è stato incaricato di aggiornare i personaggi dal loro vecchio look degli anni '1930: ha dato a Nancy Drew un elegante taglio di capelli da paggetto e l'ha vestita con camicie con colletti alla Peter Pan, mentre gli Hardy Boys hanno ricevuto un restyling che ha reso il ritratto di Nappi il più riconoscibile nella storia serie. È interessante notare che Nappi non ha mai letto nessuno dei libri che ha illustrato; sua moglie, Peggy, invece li avrebbe letti e avrebbe fornito al marito un breve riassunto prima che iniziasse a dipingere.

Negli anni '1980, Nappi illustrò le copertine di altre sei serie originali, così come il libro Hardy Boys Adventure Activity Book con copertina morbida e l'edizione rivista di The Hardy Boys Detective Handbook.

Appena tre giorni dopo la morte di sua moglie, lo stesso Nappi è morto il 13 marzo 2015, nella sua città natale adottata a Charlotte, nella Carolina del Nord, all'età di 92 anni.

14. Barye Phillips

Barye Phillips (1924-1969) è stato un pittore e illustratore americano di riviste pulp e tascabili che ha iniziato a lavorare per il dipartimento pubblicitario della Columbia Pictures all'inizio degli anni '1940.

Ha illustrato opuscoli di formazione e propaganda durante la seconda guerra mondiale. Phillips iniziò a dipingere copertine tascabili intorno al 1943 e fu molto prolifico per tutti gli anni '1940, '1950 e '1960, guadagnandosi il soprannome di "Il re dei tascabili".

Ha lavorato per diversi editori in stili diversi, in particolare per la collezione Gold Medal Books di Fawcett. Ha anche dipinto copertine per la Popular Library, Bantam Books, Cardinal Books, Dell Books, Royal Books, Pocket Books e Signet Books. Ha anche fornito le illustrazioni interne del libro 'A Treasury of American Ballads. Gay, Naughty, and Classic '(1957), compilato da Charles O'Brien.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri di crimine e thriller vintage Barye Phillips

Almeno tra il 1944 e il 1946 fu l'artista della rubrica di giornale "Famous Fiction" per Bell Syndicate. La maggior parte degli episodi sono attribuiti a Chad Grothkopf, anche se presumibilmente era solo lo scrittore. Nel periodo 1944-1946 diversi episodi portano la firma "Barye" o "Phillips".

Si ritiene che Phillips abbia almeno illustrato gli adattamenti di "The Murders in the Rue Morgue" di Edgar Allan Poe (luglio-agosto 1944), "The Legend of Sleepy Hollow" di Washington Irving (settembre-ottobre 1944), "A Midsummer Night's" di Shakespeare. Dream '(ottobre-novembre 1944), il racconto Arabian Nights' The Fisherman and The Jinni '(novembre-dicembre 1944),' Hansel and Gretel 'di Grimm (dicembre 1944-gennaio 1945),' Treasure Island 'di Robert Louis Stevenson (febbraio -Marzo 1945), "Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde" di Robert Louis Stevenson (aprile-maggio 1945), il racconto persiano "Sinbad il marinaio" (maggio-luglio 1945), "Il viaggio di Huckleberry Finn lungo il Mississippi '(Luglio-settembre 1945),' A Connecticut Yankee in King Arthur's Court '(settembre-novembre 1945) di Mark Twain,' Aladdin and the Magic Lamp '(novembre-dicembre 1945), il mito di' Theseus and the Minotaur '( Gennaio-febbraio 1946) e "The Wonderful Story of King Arthur" di Mark Twain (marzo-maggio 1946).

Phillips è stato anche attivo come pittore e scultore. Morì nel 1969, all'età di 44 o 45 anni. Milton Caniff menzionò Barye Phillips nella sua striscia "Steve Canyon" del 2 giugno 1963, in cui Steve mostra a Summer Olson un dipinto realizzato da Phillips in Libia, chiamato "The Spectactors" .

15. Saul Lambert

Lambert (1928-2009) era noto principalmente per i suoi dipinti e opere su carta - fondati sulla tradizione astratta e, in larga misura, sull'iconografia religiosa - quindi con un ampio uso di oro e argento. Piuttosto che essere intellettuale o descrittivo, è su un piano personale e meditativo, fortemente influenzato dal misticismo della Kabbalah.

Per oltre due decenni, il signor Lambert ha lavorato su una varietà eccezionalmente ampia di media. Le sue opere hanno spaziato da dipinti acrilici astratti utilizzando foglie d'oro e d'argento, a serigrafie, pastelli, scatole per santuari domestici e stampe a trasferimento xerox a colori. Le sue opere sono state esposte in Israele e in tutti gli Stati Uniti, tra cui il National Endowment for the Arts di Washington, DC. I suoi dipinti sono presenti in molte collezioni aziendali e individuali. Al Brooklyn College, ha studiato con Ad Reinhardt, Burgoyne Diller e Robert J. Wolff. Ha insegnato al Trenton State College e alla Parsons School of Design.

Il signor Lambert è stato un pittore per tutta la vita e ha anche trascorso 20 anni (dal 1960 al 1980) come uno dei più celebri illustratori statunitensi. Le sue illustrazioni sono apparse in pubblicazioni tra cui The New York Times, Newsweek, Sports Illustrated, LIFE, The Washington Post ed Esquire; e su dozzine di copertine della New American Library e del Signet Book Classic. Ha ricevuto più di 40 premi per le copertine dei suoi libri e le illustrazioni, ed è elencato in Vols. 1 e 2 di Outstanding American Illustrators Today (1984-5), Graphic-Sha Publishing Co., Giappone. Il signor Lambert ha vissuto e lavorato a New York City ea Rhinebeck, New York.

16. Victor Kalin

Nato a Belleville, in Kansas, nel gennaio 1919, Victor Kalin era il figlio maggiore di genitori artistici. Suo padre Eugene, un suonatore di cornetta
con il circo Barnum e Bailey, lascia la band per diventare un dentista, un prerequisito per il matrimonio con Rebekah ("Dot") Benson, una pittrice e vasaia dilettante. Nascosto contro il confine settentrionale del Kansas, Belleville fu colonizzato alla fine degli anni 1880 principalmente da
coloni dalla Svezia. (Kalin è probabilmente un'americanizzazione di Kjellin, un nome svedese comune.)

Ha iniziato a disegnare e dipingere da ragazzo. Al liceo, ha vinto il National Hallmark Student Card Contest, e subito dopo ha ottenuto il riconoscimento internazionale vincendo un concorso di Hollywood "per raffigurare la Ziegfield Girl" e contribuire a pubblicizzare il 1941 MGM
film con lo stesso nome. I suoi studi artistici all'Università del Kansas furono interrotti per un anno quando il tiro alla fune (e forse la genetica) lo portò a trascorrere un anno in tournée come trombettista con la Jimmy Caton Jazz Band. Dopo la sua laurea nel 1941,
Vic ha insegnato disegno e pittura per un anno mentre guadagnava un AMF.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri di crimine e thriller vintage Victor Kalin

Durante la seconda guerra mondiale, Vic prestò servizio nelle Azzorre come artista illustrando materiali di stampa e rivista Yank, un popolare stimolatore del morale disponibile per tutti i soldati, marinai e aviatori che prestano servizio all'estero. Creato da uomini arruolati per uomini arruolati, Yank ha impiegato artisti e scrittori sia nella sua sede di New York che sul fronte. Oltre a Victor, altri artisti yank includevano il suo amico Robert Greenhalgh, Jack Coggins e Howard Brodie, così come i fumettisti Dave Breger (GI Joe) e Sgt. George Baker (Sad Sack).

Fu mentre era lì nelle Azzorre che Vic incontrò Catherine (Kate) Bryan, una volontaria della Croce Rossa di 6 piedi e in parte Cherokee dell'Oklahoma. Lo spettacolo del Club degli Ufficiali era molto in ritardo quando a Vic è stato chiesto di dare una mano dipingendo uno sfondo al teatro. Ha attirato la sua attenzione quando, invece di salire e scendere la scala dei 18 piedi mentre lavorava, l'ha camminata su trampoli attraverso il palco. Vic e Kate lasciarono le Azzorre insieme, si sposarono e si stabilirono nel Greenwich Village di New York, dove iniziò a lavorare come illustratore di riviste.

Victor Kalin è meglio conosciuto per le sue illustrazioni per riviste (anni '1940 -'50), copertine di libri tascabili (anni '1950 -'60) e copertine di album di dischi (anni '1960 -'70). La sua prima opera d'arte commerciale è stata per le "grandi riviste": Esquire, American Weekly, Liberty e Colliers. Queste illustrazioni di storie della fine degli anni '40 erano generalmente lussureggianti: a piena pagina, a colori e sempre disegnate e dipinte in modo realistico. Suggerivano conforto, se non ricchezza, e la maggior parte presentava belle donne in pose rilassate e piacevoli.

Negli anni '1950, quando i libri in brossura poco costosi divennero di moda, l'ingegnosità e le capacità tecniche di Kalin erano abbastanza ampie da attrarre direttori artistici in molte agenzie diverse. Dalla metà degli anni Cinquanta agli anni Sessanta, Vic ha creato la copertina di oltre 200 libri tascabili per: Avon, Dell, Signet, Berkley, Ace e Pocket Books. Oltre a questi libri polpa misteriosi, gotici e antichi, durante questo periodo ha anche illustrato libri di bambole di carta Merrill and Co. (ad esempio, Betty Grable e Ballerinas), carte da gioco e programmi di concerti sinfonici, libri per adulti e bambini con copertina rigida .

Con la popolarità del mercato di massa, il formato tascabile standardizzato iniziò a diminuire negli anni '1960, i dischi in vinile da 12 pollici divennero una parte importante del panorama culturale. Fortunatamente per Vic, un amante della musica, ogni album richiedeva una copertina. Negli anni '1960 e '1970, ha creato più di 100 copertine di album e altre copertine di album (dietro e dentro) per Impulse, RCA Victor, Decca Jazz, Flying Dutchman, Brunswick, Celestial Harmonies e Philco, tra gli altri.

Amante della musica per tutta la vita, ha viaggiato per concerti e festival con un pass per la stampa e una macchina fotografica, catturando immagini che sarebbero poi apparse come illustrazioni su copertine di album, note di copertina, programmi di concerti e opere d'arte personali. Alcune foto sono andate così com'è direttamente in riviste e libri jazz. Un fotografo naturale prima di Photoshop, ha elaborato tutta la sua pellicola in bianco e nero e ha sperimentato una doppia esposizione, distorsione e ricomposizione.

17. Robert Jonas

Nato a New York nel 1907, Jonas ha frequentato la scuola d'arte Fawcett nel New Jersey e la New York University. Influenzato dall'artista William de Kooning e da altri membri del movimento "espressionista astratto". Andò a lavorare per Penguin e vi rimase anche dopo la partenza di Ian Ballantine e diversi illustratori che partirono per fondare Bantam.

Quando la New American Library nacque da Penguin Books nel 1948, Jonas agì come direttore artistico per il loro nuovo Signet Imprint fino a quando non fu possibile assumere un regista permanente, ma continuò il suo lavoro come illustratore tascabile fino alla metà degli anni '1950, quando si dedicò al lavoro con copertina rigida. Il suo approccio distintivo rende il suo lavoro tra i più collezionabili. Morì nel 1997.

18. James Hill

Il grande illustratore canadese James Hill (1930-2004) è nato a Hamilton. Norman Rockwell una volta disse all'artista canadese James Hill che attraverso il suo lavoro Hill ha esemplificato la sua generazione con lo stesso successo dell'icona americana.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri di crimine e thriller vintage James Hill

Durante gli anni '1950 e '1960, James Hill attraversò il paese catturando scene canadesi per antonomasia nelle sue opere colorate e suggestive. Nel 1966, Hill fu premiato come artista dell'anno dalla Gilda degli artisti americani. I suoi famosi ritratti includono quelli del Primo Ministro Pierre Trudeau e di Papa Giovanni Paolo II, quest'ultimo ritratto è stato commissionato come poster ufficiale per il tour cross-Canada del Papa del 1984.

19. Stanley Meltzoff

Stanley Meltzoff (27 marzo 1917-9 novembre 2006) era noto soprattutto per i suoi dipinti marini. Nato a New York City da padre Nathan, un cantore in una sinagoga di Manhattan, Stanley Meltzoff si è laureato al City College di New York ed è diventato istruttore al Pratt Institute. In servizio in Italia durante la seconda guerra mondiale, è stato artista e giornalista per la rivista militare statunitense Stars and Stripes. Ha anche creato immagini per Puptent Poets, un tascabile di versi dei soldati.

Rientrato a New York City dopo la guerra, trascorse anni alternando insegnamento e arte prima di diventare un illustratore a tempo pieno nel 1949.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri di crimini e thriller vintage Stanley Meltzoff

Durante gli anni '1950, Meltzoff creò dozzine di copertine in brossura per romanzi di Robert Heinlein e altri, e fece opere d'arte per le agenzie pubblicitarie di Madison Avenue. Ha dipinto copertine e interni per riviste tra cui Life, National Geographic, The Saturday Evening Post e The Atlantic, fornendo copertine a Scientific American.

20. Ernest Chiriacka

Ernest Chiriacka (1913-2010) è conosciuto a livello internazionale come pittore impressionista di drammatici umori occidentali e del paesaggio americano. È uno dei pochi artisti che ha fatto il salto con successo dall'illustrazione, lasciandosi alle spalle una grande eredità commerciale tra cui copertine di pasta di legno, pinup per Esquire, poster di film e illustrazioni per The Saturday Evening Post, Cosmopolitan e Argosy.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri di crimini e thriller vintage Ernest Chiriacka

Chiriacka è nato a New York City e con l'aiuto di un benefattore, si è formato alla famosa Arts Students League di New York, alla National Academy of Design Art School e alla Grand Central School of Art dove ha studiato con il grande Harvey Dunn.

La figlia Athene Westergaard ricorda la seguente storia raccontata da suo padre (che amici e parenti chiamavano Darcy e che spesso firmavano le sue opere con questo soprannome d'infanzia) "Darcy una volta mi ha detto che Harvey Dunn non ha mai avuto molto da dire sul suo lavoro fino alla copertina del suo la prima polpa è stata mostrata e la bocca di Harvey è caduta. "

21. Nick Eggenhofer

Nick Eggenhofer nacque nella Baviera meridionale, in Germania, nel 1897, ma dopo aver partecipato al Wild West Show di Buffalo Bill Cody, si innamorò del West americano.

Dopo che la sua famiglia emigrò nel New Jersey nel 1913, il fascino del giovane Eggenhofer per la regione continuò a crescere e desiderava viaggiare negli ampi spazi aperti dell'Occidente. Passerebbero molti anni, tuttavia, prima che avesse l'opportunità di farlo. Invece, cavalcò la gamma metaforica della sua immaginazione e divenne presto uno degli illustratori più prolifici delle riviste occidentali di cellulosa.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri di crimine e thriller vintage Nick Eggenhofer

Migliaia di queste riviste di cellulosa (così chiamate per la loro carta di bassa qualità) venivano prodotte su base settimanale e la richiesta di illustrazioni, principalmente disegni a penna e inchiostro, era enorme. Eggenhofer a volte presentava diverse centinaia di disegni in una sola settimana. Nel corso di quaranta anni, ha completato oltre 20,000 disegni per riviste di cellulosa e ha anche illustrato centinaia di libri.

Nonostante le grandi esigenze del suo tempo, Eggenhofer divenne un vero studente della storia occidentale. Era un ricercatore attento e si vantava della precisione storica delle sue raffigurazioni di uomini e donne che stabilirono l'Occidente e degli strumenti che usavano. Divenne particolarmente abile nel rappresentare carri, diligenze e altri modi di trasporto occidentale occidentale.

Nonostante le grandi esigenze del suo tempo, Eggenhofer divenne un vero studente della storia occidentale. Era un ricercatore attento e si vantava della precisione storica delle sue raffigurazioni di uomini e donne che stabilirono l'Occidente e degli strumenti che usavano. Divenne particolarmente abile nel rappresentare carri, diligenze e altri modi di trasporto occidentale occidentale.

Dopo aver trascorso molti anni a lavorare come illustratore a New York City, Eggenhofer alla fine ottenne abbastanza successo per iniziare a viaggiare molto in Occidente. Alla fine lui e sua moglie si stabilirono a Cody, nel Wyoming, a breve distanza dal Buffalo Bill Historical Center; portando il suo fascino d'infanzia con il circolo americano occidentale.

22. Elaine Duillo

Nel regno certamente altamente specializzato della narrativa romantica americana Elaine Duillo (1928 -) è annunciata dai lettori di quel genere come "La regina delle copertine romantiche", ma è molto di più. L'impegno dell'artista per le storie di avventura romantica è ciò che dà al suo lavoro la sua ispirazione e il suo vantaggio, ma è anche, facilmente, abile come un'artista che è mai stata inserita nella Illustrators Hall of Fame.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri di crimine e thriller vintage Elaine Duillo

Il suo disegno superlativo, il suo squisito senso del design, la sua sensibilità per i gesti e le sfumature e la straordinaria padronanza dell'umore attraverso l'uso del colore, sono attributi equi ed eccezionali del suo lavoro. Si potrebbe dire, non conoscendo la sua passione per questo tipo di storia, non per il merito letterario che tali storie possono spesso raggiungere, che le qualità della sua arte vanno ben oltre le esigenze e le limitazioni del genere a cui è così ben associata.

Ma questo è il segno di un grande illustratore: essere in grado di trascendere i limiti intrinseci di un soggetto e anche assumere con uguale impegno, ogni incarico man mano che procede, producendo, con impeccabile veridicità e coerenza affidabile, opere di vera eccellenza artistica .

23. Mitchell Hooks

Mitchell Hooks (1923-2013) è noto per le sue opere d'arte per libri e riviste tascabili. Nato a Detroit, nel Michigan, Hooks ha prestato servizio nell'esercito americano, incluso il servizio di occupazione in Germania, quindi ha iniziato la sua carriera di illustrazione freelance a New York City.

Ha dipinto copertine in brossura per Avon, Bantam Books, Dell Books, Fawcett Publications e altri, e ha illustrato per riviste tra cui Cosmopolitan, The Saturday Evening Post, The Ladies 'Home Journal, Redbook, McCall's e Woman's Day. Ha illustrato romanzi rosa, fantascienza e crime fiction, come Lew Archer di Ross Macdonald, Cliff Hardy di Peter Corris e Superspade di BB Johnston.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri sul crimine e il thriller vintage Mitchell Hooks

Hooks ha illustrato il libretto di 36 pagine How to Respect and Display Our Flag for the US Marine Corps. Ha anche disegnato poster di film, tra cui il primo film di James Bond, Dr. No - per il quale ha dipinto "l'immagine iconica di Sean Connery nei panni di Bond" - e Il volto di Fu Manchu.

Negli anni successivi ha anche illustrato libri con copertina rigida per The Franklin Library, Reader's Digest Books e Coronado Publishers, e ha fatto arte pubblicitaria. Hooks aveva 89 anni quando morì.

24. Walter Popp

Walter Robert Popp (1920-2002) è nato a New York City. Il suo padre biologico era Gustave Gutgemon (1860-1952), un artista immigrato tedesco, che ebbe una significativa carriera come muralista e istruttore di dettagli architettonici presso il Pratt Institute. Sua madre non sposata, Kathe Popp, è nata nel 1880 in Austria e si è formata come cuoca professionista. Nel 1909 emigrò negli Stati Uniti sulla SS Amerika e si stabilì a New York City. Ha trovato lavoro come artista nell'affollato laboratorio di Gutgemon, dove sono stati creati disegni decorativi di fiori, uccelli e animali per le eleganti aziende di mobili di New York.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri di crimine e thriller vintage Walter Popp

Due anni dopo, nel 1922, nacque Firenze, la sorella minore di Walter. I bambini sono stati allevati dalla madre a Hoboken, nel New Jersey, al 258 della Seventh Street, dove il loro affitto mensile era di $ 25. Entrambi i bambini si sono uniti alla madre al lavoro nel negozio di Gutgemon, dove hanno imparato a dipingere. Sua sorella è cresciuta fino a diventare l'illustratrice, Florence Laven.

Si laureò alla Hoboken High School nel giugno del 1938. Ha poi studiato arte alla New York Phoenix School of Design, 160 Lexington Ave, NYC, dove insegnava l'artista pulp Laurence Herndon.

Negli anni '1930 morì la moglie di Gutgemon, dopodiché lui e Kathe Popp vissero insieme al 420 Washington Street a Carlstadt, NJ. Walter e sua sorella Florence furono da allora in poi i riconosciuti figliastri di Gustave Gutgemon.

Nel 1940 Walter Popp lavorò brevemente come artista commerciale e vendette illustrazioni freelance a riviste di pulp, ma presto entrò nell'esercito americano il 10 ottobre 1942 e prestò servizio nel Medical Corps in Europa come TEC-5 durante la Seconda Guerra Mondiale. Le sue carte di arruolamento lo registrano come ventidue anni, single, cinque undici e 151 sterline.

Dopo la guerra studiò arte e architettura alla Shriverham American University in Inghilterra. Nel 1946 tornò a New York e frequentò la Art Students League, dove incontrò un'altra studentessa d'arte, Marie Mulligan, nativa newyorkese del Queens. Si innamorarono e si sposarono nel 1947. Si trasferirono a casa dei suoi genitori a Carlstadt, nel New Jersey, dove allevarono nove figli.

Ha dipinto copertine di riviste pulp freelance e illustrazioni di storie d'interni per Amazing Stories, Fantastic Adventures, Fantastic Mysteries, Fantastic Story, Fifteen Western Tales, Space Stories, Startling Stories, Thrilling Wonder e Western Story Round-Up.

Negli anni '1950 dipinse copertine per libri tascabili, che furono prodotti da editori come Ace Books, Flying Eagle Publications e Popular Library.

Ha anche dipinto copertine per riviste di vero crimine di grande formato come Master Detective e True Detective, così come il digest, Manhunt.

Durante gli anni '1950 e '1960 dipinse copertine e illustrazioni di storie d'interni per riviste di avventura per uomini, come Action Life, For Men Only, Impact, Male, Man's Illustrated, Man's World, Men, Men Annual, Outdoor Life, Real, Saga, Stag, e True Adventure.

A metà degli anni '1960, quando l'arte classica dell'illustrazione era fuori moda, iniziò a progettare pacchetti per produttori di giocattoli e articoli sportivi. Ha anche lavorato nello staff artistico come impiegato a tempo pieno della società di biglietti d'auguri Norcross, in 244 Madison Avenue (Near 38th Street) a New York.

Nel 1968 trasferì la sua famiglia al 23 Palm Court a Paramus, NJ. Negli anni '1980 e '1990, lui e sua moglie, Marie Popp, hanno collaborato alle copertine dei libri per una nuova linea di romanzi rosa gotici. Hanno anche prodotto diverse edizioni di stampe limitate di scene romantiche di fantasia per gallerie d'arte. Questi progetti gli hanno portato nuovi consensi nei suoi anni del crepuscolo. Walter Popp morì a Paramus, NJ, all'età di ottantadue anni il 10 novembre 2002.

25. Robert Stanley

Robert Carter Stanley, Jr. (1918-1996) è famoso per le sue opere su copertine di romanzi tascabili. È nato a Wichita, Kansas, ed è morto a Big Pine Key, Florida.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri di crimine e thriller vintage Robert Stanley

Come artista realista, insieme a Gerald Gregg, è stato uno dei due più prolifici artisti di copertine di libri tascabili impiegati dalla Dell Publishing Company per la quale Stanley ha lavorato dal 1950 al 1959. Stanley ha lavorato anche per altri importanti editori di libri tascabili come Bantam Books e Signet Books e ha anche lavorato come artista per copertine o interni per riviste come Adventure, Argosy, Redbook, Street & Smith's Western Story Magazine e The Saturday Evening Post.

26. Mort Kunstler

Mort Künstler (nato il 28 agosto 1927) è noto per i suoi dipinti illustrativi di eventi storici, in particolare della guerra civile americana. Era un bambino prodigio, che, con l'incoraggiamento dei suoi genitori, divenne un abile artista all'età di dodici anni. Oggi è considerato "l'artista storico più noto e rispettato del paese".

Künstler ha iniziato la sua carriera negli anni '1950 come artista freelance, illustrando copertine di libri tascabili e riviste di avventura per uomini. Nel 1965 è stato incaricato dal National Geographic di creare quello che divenne il suo primo dipinto storico. Ha anche creato poster per film come The Poseidon Adventure e The Taking of Pelham One Two Three. E negli anni '1970 dipingeva copertine per Newsweek, Reader's Digest e altre riviste, con la maggior parte del suo lavoro durante quel periodo nell'arte pubblicitaria.

26 migliori illustratori di copertine dietro alcuni dei più iconici libri di crimine e thriller vintage Mort Kunstler

Mentre molte delle sue prime illustrazioni per riviste erano destinate all'intrattenimento pubblico, Künstler alla fine iniziò a creare arte militare. Nel 1977, la sua prima grande mostra in galleria ha portato una nuova attenzione al suo talento di artista storico. Negli anni '1980 è stato acclamato come il principale artista americano della Guerra Civile e alla fine avrebbe creato oltre 350 dipinti della Guerra Civile da solo. Alcuni dei suoi dipinti hanno cambiato le opinioni sull'accuratezza dei primi dipinti famosi di altri, come il famoso "Washington Crossing the Delaware" di Emmanuel Leutze. Oltre ai suoi dipinti della guerra civile, ha creato l'arte storica della rivoluzione americana attraverso le guerre di Corea e Vietnam, insieme a dipinti della seconda guerra mondiale. Ha dipinto eventi storici come l'Oklahoma Land Rush e i nuovi immigrati a Ellis Island.

Le collezioni del lavoro di Künstler sono pubblicate come stampe in edizione limitata e la sua produzione artistica lo colloca in prima linea nel realismo storico contemporaneo. La NASA lo ha reso il loro artista ufficiale per lo space shuttle Columbia. Nel 1982, la CBS-TV gli fece realizzare un dipinto per la miniserie in 3 parti, The Blue and the Grey, e nel 1993 fu mostrato uno speciale televisivo di un'ora, Images of the Civil War - The Paintings of Mort Künstler. sulla rete televisiva A&E. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti e premi e almeno nove libri sono dedicati a presentare le sue opere d'arte. Alcuni esperti lo vedono come il prossimo Norman Rockwell.

Accesso

Inserisci il nome utente o l'indirizzo email
Altre storie
Un notevole mistero accogliente: Glow of Death Di Jane K. Cleland
Un notevole mistero accogliente: Glow of Death Di Jane K. Cleland